www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Equipollenza Abilitazioni Legge n. 394/1991 e s.m.i.

Equipollenza Abilitazioni Legge n. 394/1991 e s.m.i.

E-mail Stampa PDF

Il Regolamento regionale relativo alla gestione faunistica all’interno delle Aree protette piemontesi, emanato con D.P.G.R. 24 marzo 2014, n. 2/R, prevede la possibilità da parte degli interessati di richiedere l’avvio di un procedimento di riconoscimento di equipollenza dell’abilitazione ottenuta ai sensi dell’art. 22, comma 6 della Legge n. 394/1991.

Il Settore Biodiversità e Aree protette della Regione Piemonte, con nota n. 12022/DB10.16 del 24/9/2014 (prot. PNCM n. 1097/2014), ha individuato l’Ente di gestione delle Aree protette dell’Appennino piemontese, quale Soggetto Istruttore Unico dei procedimenti per tutte le istanze di equipollenza delle abilitazioni di cui alla Legge n. 394/1991 per le Aree protette della Regione Piemonte.

Si evidenzia che, ai sensi dell’art. 5 del suddetto Regolamento regionale n. 2/R, l’istruttoria per il riconoscimento di equipollenza verifica la coerenza dei titoli in possesso con i contenuti della nota ISPRA prot. n. 22478/T-D1 del 28/6/2010 e dell’art. 10, comma 2 del suddetto Regolamento.

Di seguito è possibile scaricare il modulo di richiesta di avvio del procedimento per la specie cinghiale.

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Febbraio 2016 10:39