Appennino News

CONVENZIONE PER LA MANUTENZIONE DELLA SENTIERISTICA DEL PARCO CAPANNE DI MARCAROLO

Il 26 novembre l’ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino Piemontese ha siglato  un importante convenzione con il CAI (Club Alpino Italiano) sezione di Ovada, per l’organizzazione dei percorsi escursionistici e la manutenzione della rete sentieristica del territorio del Parco naturale delle Capanne di Marcarolo.

Il primo punto dell’accordo prevede l’elaborazione di un Piano Regolatore della sentieristica e della viabilità minorecon l’indicazione dei percorsi escursionistici esistenti e di quelli meritevoli di futura apertura.

Nell’ambito della convenzione inoltre è previsto l’aggiornamento del Catasto Sentieri con numerazione, classificazione delle difficoltà, e indicazione dei tempi di percorrenza di tutti i sentieri dell’Area Protetta.

La Sezione di Ovada del CAI inoltre avrà il compito di elaborare, in accordo con l’ente di gestione del Parco, il “Programma annuale di manutenzione” che attuerà attraverso la propria Commissione Sentieri, nel quale sono previsti interventi sul territorio con posa della segnaletica verticale e esecuzione a terra dei segnali bianchi e rossi a pennello.

Contestualmente potranno essere attuati piccoli interventi di manutenzione ordinaria come spietramento, pulizia dai rami ingombranti e piccoli alberi caduti, decespugliamento.

La manutenzione straordinaria verrà pianificata al fine di migliorare o ripristinare la percorrenza della sentieristica con la realizzazione di muretti a secco, la rimozione di grossi alberi, la costruzione di passerelle, l’installazione di corde fisse.

I primi sentieri sui quali si è deciso di intervenire nel 2022 saranno quelli del Tobbio dai diversi punti di partenza: quello del versante nord dal Valico Eremiti, quello orientale da Voltaggio e quello dal guado del Gorzente.

L’ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino Piemontese siglerà prossimamente analoghe convenzioni con le Sezioni CAI di Novi Ligure e di Acqui per la manutenzione della sentieristica delle Aree Protette e dei Siti Natura 2000 gestiti.

Nel corso degli anni la Regione Piemonte ha provveduto a disciplinare la materia della sentieristica, istituendo la “Rete Escursionistica Regionale” attraverso un Catasto e disciplinando le relative modalità di condotta e di gestione.

Per la legge il CAI è deputata al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione di sentieri (https://www.cai.it/la-struttura-organizzativa/strutture-operative/sentieri-e-cartografia/documentazione/)

La D.G.R. (Delibera della Giunta Regionale) 2 dicembre 2002 n. 46-7923 “Unificazione della segnaletica dei sentieri sul territorio della Regione Piemonte” inoltre stabilisce l’approvazione della segnaletica unificata bianca e rossa per i sentieri della Regione Piemonte.

Grazie al contributo dei soci CAI, quindi, in collaborazione con gli enti e soggetti del territorio, i sentieri vengono segnalati e manutenuti regolarmente al fine di rendere fruibile ad ogni tipologia di escursionista la rete sentieristica regionale.

Chiunque comunque può contribuire a mantenere in efficienza la rete escursionistica, partecipando alle uscite organizzate dalle Sezioni e dai gruppi tecnici preposti, ma anche semplicemente seguendo e rispettando i segnavia, evitando scorciatoie, informando le Sezioni locali del CAI e i gestori dei rifugi, di eventuali danni o problemi lungo i sentieri.